Menu Chiudi

Dichiarazione di Successione

 
La Dichiarazione di Successione deve essere presentata dagli eredi per comunicare all’Agenzia delle Entrate il passaggio di proprietà di determinati beni o della titolarità di capitali appartenuti in vita alla persona deceduta.

Dev’essere presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione che, generalmente, coincide con la data del decesso.

Se ti occorre assistenza puoi rivolgerti a un intermediario fidato come CAF ACLI.
sedi Cerca il Caf più vicino a te Trova

Le pratiche di successione: istruzioni per la dichiarazione

CAF ACLI fornisce un servizio di assistenza e consulenza per le pratiche di successione, supportando gli eredi nella preparazione della documentazione necessaria, nella compilazione e nella trasmissione telematica della dichiarazione all’Agenzia delle Entrate e nella presentazione delle volture catastali.

Chi deve presentare la Dichiarazione di Successione?

Sono obbligati a presentare la Dichiarazione di Successione:
  • gli eredi, i chiamati all'eredità e i legatari (purché non vi abbiano espressamente rinunciato o - non essendo nel possesso dei beni ereditari - chiedono la nomina di un curatore dell’eredità, prima del termine previsto per la presentazione della Dichiarazione di Successione) o i loro rappresentanti legali;
  • gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta;
  • gli amministratori dell’eredità;
  • i curatori delle eredità giacenti;
  • gli esecutori testamentari;
  • i trustee.

Attenzione: anche se più persone sono obbligate alla presentazione della dichiarazione, è sufficiente presentarne una sola, quindi un solo modello valido per tutti.

Ci sono comunque dei casi in cui si è esonerati. Non c'è infatti l’obbligo di dichiarazione se si verificano entrambe le seguenti condizioni:

  • l'eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto;
  • l'attivo ereditario ha un valore non superiore a 100.000 euro e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari.

Come si presenta la Dichiarazione di Successione?

La Dichiarazione di Successione può essere presentata esclusivamente in via telematica con una delle seguenti modalità:
  • con CAF ACLI, intermediario fiscale abilitato;
  • direttamente dal contribuente tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.

CAF ACLI, grazie all’esperienza e alla professionalità dei suoi operatori, assiste gli eredi nella preparazione della documentazione necessaria, nella compilazione della dichiarazione di successione, nella predisposizione delle volture catastali e nel calcolo delle imposte dovute.

Come avviene il pagamento delle imposte?

Quando si presenta la Dichiarazione di Successione e nell’attivo ereditario è presente un immobile, è obbligatorio pagare le imposte ipotecaria, catastale, di bollo, la tassa ipotecaria e i tributi speciali (l’imposta e la tassa ipotecaria non vanno confuse perché sono due oneri distinti).

Il calcolo di queste imposte avviene mediante il meccanismo dell’“autoliquidazione”, cioè è il contribuente stesso che le calcola e le versa senza un intervento diretto dell’amministrazione finanziaria. L’addebito avviene sul conto corrente intestato al dichiarante, oppure al soggetto incaricato della trasmissione telematica, identificati dal relativo codice fiscale. Per questo, quando si compila la Dichiarazione di Successione, vanno sempre indicati il codice Iban del conto corrente sul quale addebitare le somme dovute più il codice fiscale dell’intestatario del c/c.

Oltre a queste imposte, potrebbe essere dovuta anche l’imposta di successione, cioè l’imposta vera e propria applicata in percentuale sull’attivo dei beni ereditati. In questo caso l’obbligo o meno di pagamento dipende dalla situazione che si verifica al momento del decesso. In ogni caso tale imposta, se dovuta, viene liquidata dall’Agenzia delle Entrate sulla base della dichiarazione presentata.
Ti potrebbe interessare anche
Modello 730
Modello REDDITI (ex Modello UNICO)
Modello EAS
Contratto di Locazione
IUC – Imposta Unica Comunale
Colf e Badanti
Trasmissione Telematica
Modello RED
Modello ICRIC - ICLAV - ACCAS/PS
ISEE - Indicatore della Situazione Economica Equivalente
Reddito di Cittadinanza
Bonus Sociali Energia Elettrica, Gas Naturale ed Acqua
Modello CU - Certificazione Unica
Modello 770
Dichiarazione IVA
Modello F24
Modello IRAP
Iscrizione al 5 per mille dell'Irpef
Destinazione 8, 5 e 2 per mille dell'Irpef
Comunicazione Liquidazioni Periodiche IVA
Voltura Catastale
Riunione di Usufrutto
Visura Catastale
Assegno al Nucleo Familiare dei Comuni
Assegno di Maternità dei Comuni
ICEF - Indicatore della Condizione Economica Familiare
DURP – Dichiarazione Unificata di Reddito e Patrimonio
Dichiarazione IMU
Esenzione Canone TV
Agevolazione Canone Telecom
Carta Acquisti - Social Card
Assegno al Nucleo Familiare Lavoratori Dipendenti
Sconto in fattura e cessione del credito
Assegno Unico Universale
Bonus prima casa under 36
Bonus Psicologo
Bonus Cultura 18app
Regime Forfetario
Bonus figli disabili
Supporto per la formazione e il lavoro
Assegno di Inclusione
Approfondimenti fiscali
Sono deducibili dal reddito complessivo per un importo non superiore a 5.164,57 euro, i contributi versati alle forme pensionistiche complementari su base contrattuale collettiva (fondi negoziali residenti nel territorio dello Stato) ed i contributi e premi versati alle forme pensionistiche individuali.
La detrazione del 19%, calcolata su un importo massimo di euro 2.582,28, spetta al soggetto intestatario del contratto di mutuo per effettuare interventi di manutenzione, restauro e ristrutturazione su qualunque tipologia di immobile.