Menu Chiudi

myCAF - La tua area riservata

 
myCAF è la tua area riservata nel sito di CAF ACLI che ti permette di consultare e gestire al meglio la tua posizione fiscale.
L'iscrizione è gratuita e aperta a tutte le persone, anche se non sono mai state nostre clienti. REGISTRATI ORA!

Perché registrarsi su myCAF

Registrandoti su myCAF, puoi approfittare di una serie di vantaggi pratici:
  • Prenotare il tuo appuntamento in tutta Italia

    La funzione Prenota un appuntamento ti dà l’opportunità di fissare direttamente online, senza spostarti da casa, un incontro coi nostri operatori, nella sede e agli orari più comodi.
  • Archiviare e consultare i tuoi documenti fiscali

    Con l’opzione Archivio puoi conservare digitalmente tutti i documenti relativi alla tua posizione fiscale e visualizzarli in ogni momento.
  • Non perdere di vista le cose da fare

    Grazie all’Agenda puoi annotare e tenere d’occhio tutti gli impegni (non solo fiscali!) della settimana.
  • Essere aggiornato su scadenze e comunicazioni personali

    Le nostre Comunicazioni ti ricordano le principali scadenze fiscali e i promemoria relativi alla tua situazione personale.
  • Scaricare e compilare i modelli

    Puoi trovare una selezione di modelli, già pronti da compilare, per effettuare le Autocertificazioni più comuni.
  • Essere assistito a distanza tramite "IL MIO CAF ONLINE"

    Puoi inviarci la documentazione relativa ai servizi del Modello 730, del Modello REDDITI, dell'ISEE, del calcolo IMU e della Dichiarazione di Successione, così un nostro esperto fiscale potrà elaborare le pratiche da remoto e avvisarti quando le avrà ultimate.

Come accedere a myCAF

Se sei già un utente registrato, puoi accedere alla tua area riservata attraverso la pagina di login, altrimenti puoi procedere con una nuova registrazione.
L’iscrizione all’area riservata myCAF è totalmente gratuita e non comporta nemmeno tariffe aggiuntive sui servizi che si richiedono presso le nostre sedi territoriali.

Quindi cosa aspetti? REGISTRATI SUBITO!

Siamo felici di averti a bordo, buona navigazione!
prenota appuntamento Prenota l'appuntamento nella sede più vicina a te Prenota
Approfondimenti fiscali
A partire dal 2011, in alternativa al regime ordinario di tassazione sui contratti d’affitto, è possibile applicare il regime sostitutivo della cedolare secca, valido per i soli contratti di locazione ad uso abitativo.
L'imposta, in vigore dal 2011, sostituisce la tassazione ordinaria applicando l’aliquota del 21% sui contratti a canone libero e del 10% (ex 19 poi 15%) su quelli a canone concordato.
I redditi fondiari di fabbricati e terreni concorrono a formare il reddito complessivo dei soggetti che li posseggono.
A partire dal 2012, l’Imu sostituisce l’Irpef e le relative addizionali regionali e comunali sul reddito dominicale dei terreni e sul reddito degli immobili non locati.
Sono deducibili nei limiti del 10 per cento del reddito complessivo, e comunque nella misura massima di 70.000 euro, le liberalità a favore di fondazioni e associazioni operative nel campo della ricerca scientifica e della tutela dei beni artistici/paesaggistici.
Sono deducibili dal reddito complessivo per un importo non superiore a 5.164,57 euro, i contributi versati alle forme pensionistiche complementari su base contrattuale collettiva (fondi negoziali residenti nel territorio dello Stato) ed i contributi e premi versati alle forme pensionistiche individuali.
La Legge di Bilancio 2022 ha introdotto dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022 una detrazione specifica sulle spese effettuate per i lavori di superamento/eliminazione delle barriere architettoniche. Si tratta di un bonus pari al 75% delle spese sostenute, ma calcolato comunque entro dei massimali di spesa variabili a seconda della tipologia del fabbricato.
Presentando la dichiarazione coi modelli 730 o REDDITI è possibile detrarre le spese d’affitto sostenute esclusivamente per gli immobili adibiti ad abitazione principale.
Quello che deriva dai fabbricati è il reddito medio ordinario delle unità immobiliari urbane suscettibili di produrre un reddito proprio.
Trae origine dalla rendita catastale, cioè il reddito medio ordinario, stabilito dal catasto, ricavabile da ciascuna unità immobiliare urbana e si può rilevare dalla visura catastale rilasciata dall’Agenzia del Territorio, da un atto notarile, da un atto di successione o, dalla precedente dichiarazione dei redditi.
Sono deducibili dal reddito complessivo fino a un importo massimo di euro 1.032,91 le erogazioni liberali in denaro a favore di istituzioni religiose quali l'Istituto per il sostentamento della Chiesa cattolica italiana, la Chiesa Evangelica Valdese, la Chiesa Apostolica, l'Unione Cristiana Evangelica Battista, e molte altre.
Il Superbonus 110% è stato introdotto dal Decreto 34/2020. Si tratta di una detrazione riconosciuta sulle spese effettuate dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2023, a fronte di specifici interventi di efficienza energetica, riduzione del rischio sismico, installazione di impianti fotovoltaici, nonché delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.
La vendita di un fabbricato da parte di un "privato" genera reddito se la cessione avviene entro cinque anni dall'acquisto o dalla costruzione.
Per evitare intenti speculativi, il legislatore ha previsto che la cessione a titolo oneroso di un fabbricato generi una plusvalenza, potenzialmente tassabile, qualora il bene immobiliare sia stato acquistato o costruito da meno di cinque anni.
Per usufruire del beneficio, occorre essere in possesso della documentazione che certifica la spesa (fattura, parcella, ricevuta quietanzata o scontrino). In particolare, per i medicinali occorre essere in possesso della fattura o dello “scontrino parlante” che indichi la natura (“farmaco” o “medicinale”), la qualità (denominazione del farmaco), la quantità dei beni acquistati e l’indicazione del codice fiscale del destinatario del medicinale.
Il bonus verde consiste in una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute negli anni 2020 e 2021 per gli interventi di sistemazione a verde di aree scoperte private e la realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili: va ripartita in dieci quote annuali di pari importo e va calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo.
Il beneficio d'imposta è riconosciuto nella misura del 19% su un importo non superiore a 210 euro. Lo “sconto”, quindi, spetterà al massimo nella misura di 40 euro (cioè il 19% di 210 euro).
Per usufruire della detrazione è necessario che il contribuente sia in possesso dei codici fiscali dei familiari, anche se residenti all’estero.
Le agevolazioni si possono chiedere a patto che si sia in possesso di un’apposita documentazione che attesti il legame familiare e la sussistenza della condizione reddituale per essere considerati fiscalmente a carico.
Sono deducibili, nel limite del 2 per cento del reddito complessivo (in cui va ricompreso il reddito dei fabbricati assoggettato a cedolare secca), le erogazioni liberali effettuate nei confronti delle  Organizzazioni non governative riconosciute idonee alla cooperazione con i Paesi in via di sviluppo.
I portatori di handicap, riconosciuti da apposite commissioni, possono autocertificare la sussistenza dei requisiti personali, attraverso una dichiarazione sostitutiva di atto notorio allegando un documento d'identità.
Le norme tributarie in vigore riservano numerosi benefici fiscali per le persone con disabilità e i loro familiari.
L’importo delle spese da considerare ai fini del calcolo della detrazione è comprensivo, quando presente, di IVA o del costo del bollo applicato
Gli oneri si distinguono in oneri detraibili che riducono l'ammontare dell’imposta dovuta, in percentuale rispetto alla spesa sostenuta (salvo franchigie o limiti) e oneri deducibili che si sottraggono dal reddito complessivo rilevante ai fini Irpef, prima del calcolo dell'imposta, abbassando quindi il reddito imponibile.
Dall’imposta lorda si detrae un importo, pari al 19% dei compensi pagati a soggetti di intermediazione immobiliare in dipendenza dell’acquisto della proprietà o di altri diritti reali (ad esempio l’usufrutto) dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale per un importo non superiore a 1.000 euro per ciascuna annualità.