Menu Chiudi

Mi hanno proposto un lavoro con ritenuta d'acconto per prestazioni occasionali, ma essendo già assunta a tempo indeterminato presso un'altra azienda volevo sapere - restando nel limite di 5.000 euro annui - a cosa vado in contro quando andrò a fare il 730. Cioè... le prestazioni occasionali incideranno o no sulla mia dichiarazione? Pagherò più tasse?

 
Entro i 4.800 euro annui le prestazioni da lavoro autonomo occasionale sono esenti dalla ritenuta d’acconto pari al 20%. Quindi fino a quella cifra il 20% non viene trattenuto, e se dovesse essere trattenuto si ha comunque diritto alla restituzione tramite la dichiarazione dei redditi. In linea generale, la trattenuta sulla singola prestazione viene applicata, per poi essere girata all'Agenzia delle Entrate, solo dai committenti che sono aziende/società/enti, mentre se il committente è un semplice privato la ritenuta non deve essere applicata. In pratica al momento della dichiarazione, sulla base del reddito occasionale conseguito nell'arco dei 12 mesi, si verificherà se il lavoratore autonomo occasionale deve allo Stato il 20% di quell'importo, o se eventualmente deve esserne rimborsato in tutto o solo in parte. In ogni caso i compensi da lavoro autonomo occasionale vanno dichiarati ai fini Irpef, perché fanno cumulo con tutti gli altri redditi (se esistenti). Quindi nel caso specifico il reddito da lavoro autonomo occasionale si somma al reddito da lavoro dipendente.

Per fare con noi il tuo Modello REDDITI 2018 scopri il nostro nuovo servizio online o consulta una nostra sede.